Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

-9

Lo senti come un tamburo. Un suono in crescendo. Come l'inizio di "Where the streets have no name" degli U2. E' un martello incessante nella tua testa. Un pulsare. Ieri mi sono guardato bene dal combattere. Mi fa ancora un po' male il piede ma quando tiravo i calci al colpitore sentivo, forse per la prima volta, la forza di questo pulsare. Ed hai voglia di andarci... dove le strade non hanno un nome... lo senti dentro di te, lo senti che la vita è una e non può essere sprecata nascondendosi in dogmi o in "in questo paese non è possibile". Lo senti dentro di te che chi ragiona così a 30 anni è perché ha smesso di sognare. Perché ha messo le palle sul ceppo di un'esistenza da 6, massimo 6,5... senza scossoni... in tranquillità. Questo non può andare bene per chi vuole volare laddove le strade non hanno neanche più senso... Ed è marzo. Forse tornerà il freddo. Ma la primavera ce l'ho dentro. Quando vedo Francesca che allatta Daniele. Quando tiro un circolare all'indietro. Quando scrivo un pezzo di Orizon. Quando faccio il solo di Rebel Yell. Ma la primavera... ce l'ho dentro.
comments powered by Disqus