Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

Essere leader nell'era dell'acquario

[tweetmeme source="thesp0nge"] Essere leader è uno sporco lavoro. Credo. Non ho esperienze dirette, almeno non che io sappia. Nel video che vi lascio, tratto da un Ignite italiano, si dice tra le altre cose che il "leader non si auto proclama, ma è tale perché gli altri ne riconoscono in lui le doti necessarie". Avere valori, avere degli obiettivi e difenderli ad ogni costo. Portare il proprio team al successo, galvanizzando dopo i successi e riprendendo dopo lo sconfitte. Un leader deve per forza, vivere del successo riflesso della propria squadra. La stessa si ispira a lui che non è detto debba essere il più bravo a livello tecnico, ma sicuramente il più costante nei risultati. Un leader difende il proprio team verso l'esterno e lava i panni sporchi in casa propria, faccia a faccia... lui e le persone coinvolte. Per un leader così io farei la firma. [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=beGbmBDsn_w&hl=it_IT&fs=1&]
comments powered by Disqus