Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

La mia idea bocciata alla Startup Weekend: appinco.me

Se avessi sentito il talk di Leandro venerdì sera, avrei seguito il consiglio "se volete fare delle API dovete andare a San Francisco"? 
No, avrei presentato appinco.me lo stesso.
Una premessa, sono contento anche se l'idea non è stata selezionata. In fondo ho partecipato all'idea vincente e ad un evento veramente fico pieno di persone con un potenziale incredibile.

Secondo me c'erano fin pochi developer... vorrei vedere le statistiche ma mi sarei aspettato un 80% di sviluppatori, invece... moltissimi business developer, molti marketing e comunicazione, 2 legal (cooptati nel team di schoolraising, grazie ragazzi :P). Fine della parentesi.

Ecco l'idea dietro appinco.me.
Sei una giovane startup web 2.0 e pubblichi delle applicazioni con un profilo freemium.
Magari della tua app, realizzi versioni brandizzate che hanno un differente pricing per le utenze a pagamento.
Vuoi rispondere alla domanda "Quanto sto guadagnando?" senza dover impazzire tra script per recuperare dai tuoi DB i dati delle utenze ed incrociarli col tuo listino.
Benissimo, appinco.me è qui per te.
appinco.me offre delle API che tu, sviluppatore di successo, puoi chiamare nel momento in cui i tuoi utenti fanno purchase di un'utenza premium.
appinco.me memorizza nella dashboard della tua web app come è composto il portfolio delle tue utenze e quanti soldi hai incassato da questo, ora unisci anche gli income provenienti da AdWords o alle spese per il dominio, l'hosting, il logo, il SEO, ... ed ecco qui che appinco.me è in grado di darti uno spaccato al netto di tutte le spese di gestione di quanto stai guadagnando.
Ora, estendi questo per le 20 applicazioni di successo che tu, imprenditore web 2.0, hai pubblicato e... ecco qui... appinco.me al tuo servizio.

Putroppo il mio pitch è fallito, chissà se quest'idea fa schifo, va sgrezzata e se è promettente.

comments powered by Disqus