Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

L'autoregolazione della Rete

[tweetmeme source="thesp0nge"] In Internet ci sono un sacco di servizi. Moltissimi di questi sono social. Moltissimi dei servizi social permettono agli utenti di esprimere pareri ed opinioni. Si sa, ci sono persone cattive che pur di screditare o parlar male di qualcuno, passerebbero 8 ore di lavoro davanti al PC per scrivere una recensione negativa, magari su un giocatore, una macchina fotografica, una foto, un'applicazione. Però la Rete è democratica. Accanto a queste personcine ci sono gli utenti fair, quelli che sono convinti dell'utilità del servizio social di recensione e che voglio esprimere un loro parere positivo o negativo ma basato sull'effettività dei fatti. Alla lunga, quello che si può osservare, è che il rumore generato dai Troll che vogliono scrivere recensioni negative a caso viene attutito dalle recensioni e opinioni vere. Se io dico "cosa ne pensate della Canon EOS 1000D"? Ci sarà un 5% di persone, fanboy di Nikon, che mi dirà peste e corna su questa macchina. Di sicuro questo 5% non porterà elementi di confronto con Nikon, qualcosa che magari mi convinca che la Nikon D30 effettivamente è meglio. Il restante 95% delle persone, vorrà invece esprimere un'opinione sui pro e contro della Canon EOS 1000D. Magari il 70% di questo 95% mi dirà che effettivamente come macchina non è un granché ma di sicuro saranno opinioni vere e non rumore. Io credo molto nella democraticità della Rete. Credo che indipendentemente da tutto la verità nn sarà mai superata dal rumore. Lo dico nel giorno in cui nuvola è finalmente online. In cui ho già ricevuto critiche costruttive. In cui la mia vita ha iniziato a cambiare. Lentamente Piano piano Ma ha iniziato
comments powered by Disqus