Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

pernataleiovorrei: day #2

Nel post di ieri, parlavo di come la gemma omniauth fosse bella e potente ma in qualche modo difficile da domare.
Ieri sono riuscito dopo aver messo a letto il mio angioletto, a lavorare a pernataleiovorrei.com
Volevo sistemare i problemi legati all'autenticazione e vedere di giocare un po' con le rotte di Ruby on Rails.

Ecco quello che 2 orette di hacking hanno portato:
  • l'autenticazione funziona sia con twitter che con facebook
  • ho impostato la rotta /:user affinché porti al profilo dell'utente dove ci saranno un po' di informazioni di dettaglio
  • ho impostato la rotta /:user/wishlist che porta alla wishlist dell'utente (per ora e questo è un vincolo che nn so se ha senso far decadere, un utente può creare una sola wishlist)
Da sistemare bene il workflow di registrazione al sito. Se l'utente non è registrato a pernataleiovorrei.com i pulsanti di login via twitter e facebook dovranno essere disabilitati. Appena l'utente avrà creato il proprio profilo, il sito gli proporrà di collegarlo ai due social network di cui sopra.
C'è già la possibilità di fare il "Like" su facebook della wishlist di un utente, quello che voglio è fare il post in automatico sul wall dell'utente di ogni item inserito nella wishlist.

Poi massima priorità al meccanismo di amicizia tra gli utenti, in modo che gli amici di un utente possano spuntare gli elementi dalla wishlist. Ho deciso che la wishlist spuntata la vedranno solo gli amici mentre Internet e l'utente continueranno a vedere la wishlist originale senza gli elementi acquistati.

Una possibile customizzazione di pernataleiovorrei.com può essere un'applicazione per le liste nozze... magari se c'è qualcuno all'ascolto che ha questa necessità, mi contatti... gli faccio una quotazione volentieri :)

Stasera è una sera importante e si decide il biennio 2011-2012.


comments powered by Disqus