Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

Quando la tecnologia è una barriera... mentale

60 milioni di firewall

Che l’Italia sia un paese arretrato dal punto di vista delle infrastrutture e della lungimiranza non c’è bisogno certo venga io a dirvelo.

Le startup tecnologiche e non qui da noi sono alla fase embrionale (come la trattativa Lavezzi-Inter diranno i più italiani di voi, cari lettori).

Manager sulla 50ina dai capelli bianchi pensano che stare in ufficio 12 ore a guardare facebook sia il viatico per la promozione… dimostrano attaccamento alla propria azienda, o quanto meno alla sedia.

Non ultimo, possiamo leggere i quotidiani su iphone o smartphone dal display minuscolo ma non sui terminali nati come alternativa alla carta stampata (libri e non).

Versione digitale dell’Ore 7

Da sempre leggo il corsera, mi sembra quello più imparziale e più fedele nel riportare la cronaca.

Ma da oggi perde un lettore.

Sto per acquistare un kindle, credo il touch solo wi-fi per poter leggere tutti i libri tecnologici e non che ho. I più romantici restano attaccati all’immortale frase vuoi mettere la bellezza di sfogliare un libro? Frase fantastica… ma siamo nel 2012 e sincermaente vorrei più mettere la bellezza di vedere alberi e foreste. Chiaramente non è solo l’industria del libro la causa del disboscamento dei nostri comuni, però se esiste un’alternativa ecologica perché non seguirla?

iPAD, iPAD, iPAD” gridano in coro i più. Ora, io sono un mac user da anni e l’iPad è una figata… ma non è nato per permetterci di leggere per lungo tempo. Ha la stessa tecnologia dei monitor dei PC, quelli che per legge dovete abbandonare ogni ora perché vi si stancano gli occhi.

Non fa niente se Cupertino ha chiamato il display retina o se puoi fare suisch e pinch.

Gli ebook reader nascono con una tecnologia differente che impressiona il display non retroilluminato in modo da non affaticare la vista. vuoi mettere vederci ancora?

Voi direte… figata, ma allora oltre ai libri ci posso leggere anche i quotidiani?

La risposta è: nel mondo sì, in Italia no.

In Italia si supportano i terminali iOS (per penetrazione di mercato perché… basta girare sul metrò… l’ipad e l’iphone secondo me arrivano al 50% della gente che incrocio ogni mattina), il blackberry (leggilo tu, Camilla, il tuo corriere sul blackberry) e Android.

Interpellata, la redazione online del corriere nella persona di Camilla (così si è firmata) prima mi ha detto che il kindle non lo supportavano, poi dopo averle fatto notare che chiedevo se prevedevano di supportarlo mi ha risposto No, non prevediamo il supporto per questo terminale.

Perché?

Mistero.

La redazione online de la repubblica invece è più possibilista e mi ha risposto che valuteranno se supportarlo appena avrà raggiunto una massa critica.

Che è più ragionevole come risposta per me come consumatore / cliente.

Camilla, non lottare per mantenere lo status quo… è così bello pensare differente… lo diceva il fondatore dell’azienda che fa i terminali che ami tanto supportare.

Bacini Gossip Sp0nge

se intanto siete possessori di kindle o semplici appassionati, tempestate anche voi i contatti delle redazioni online? sarebbe bello avere la libertà dell’acquisto del terminale per fruire di un servizio


comments powered by Disqus