Paolo Perego bio photo

Paolo Perego

Specialista di application security italiano. 37 anni, milanese, papà, praticante di Taekwon-do ITF, chitarrista e blogger.

Twitter Facebook Github

Zucche, ognissanti e polemica in salsa antani

Un paese senza Avvenire

Della polemica su Halloween, le sue origin ed i suoi intrecci con il satanismo, l’esoterismo poteva l’italietta del 2013 farne a meno?

Assolutamente no.

Non sono titolato per parlare con certezza delle origini della festa, di come si intrecci nella storia celtica e dell’europa medioevale, Italia compresa. Dalla leggenda leggiamo di doni offerti alla figura del maligno per esorcizzarne la presenza, per invitarlo ad andarsene nei giorni in cui si saluta l’estate.

Poi è tutta una guerra per dire “Ehi la festa è mia” oppure “Al bando le festività americane”. Sì perché l’italiano medio non riesce a sforzare il suo neurone per andare oltre a quello che ha visto nei film: “se nei film americani vedo che festeggiano halloween, allora halloween è una festa americana”. Festeggiano anche il Natale, ma spero nn se ne accorga nessuno.

Un articolo su Avvenire, intervista a quello che mi sembra comunque un sacerdote intelligente visto il ruolo che ricopre, naviga nel connubbio “Ti vesti da scheletro = Sei un satanista” il che è cristianamente parlando, una cazzata.

A parte la tradizione celtica esserci ben prima dalla festa di ognissanti, imposta dalla chiesa per dare il suo marchio un po’ e ricordare a tutti che il monopolio su feste e party ce l’ha solo lei, ma se volete vedere veramente il male, quello vero… esci di strada.

Dimentichiamoci per un attimo delle guerre, che già basterebbero. Gente che accoltella fidanzate o ex. Gente che si prende a randellate per una partita di calcio. Gente che ti falcia mezzo sulle strisce poi caccia fuori la testa e ti manda a fare in culo.

Ebbasta con questa polemica su Halloween, zucche, scheletri e demoni. Il demonio ognuno se lo porta dentro, se gli lascia il comando o se lo fa stare in un cantuccio è grazie a quella figata del libero arbitrio che il primo CEO della Chiesa aveva introdotto.

Poi si sà arriva il primo giornalista che vuole il titolone e allora… Halloween diventa una festa dalle origini a stelle e strisce, chi la festeggia un profanatore di cimiteri ed un satanista e tutti gli altri bravissime et reverendissime persone.

Beati quanti ci credono.

Io per il mondo mi auguro veramente che la gente smetta di fermarsi alla prima cosa che gli dicono ma cerchi di capire con la propria testa. Mi auguro sempre molte cose… purtoppo poche volte si avverano tuttavia.

Si ma io lo festeggio?

Io amo i Peanuts e da sempre sono affascinato dalla storia di Linus e del grande cocomero.

Non festeggio Halloween perché non l’ho mai fatto. Se mi vengono a citofonare per dolcetto o scherzetto darò qualche caramella ma se penso ad Halloween, allora giro la manopola del volume a 12.


comments powered by Disqus